AppleAppStore

Per Apple ma sembra essere inevitabile il sideload su iPhone

Per Apple ma sembra essere inevitabile il sideload su iPhone

Apple è sempre stata sprezzante quando si tratta di sideload su iphone e trasferire le tue applicazioni sul tuo smartphone. È qualcosa che l’azienda non supporta e in effetti, ha fatto di tutto per evitare in passato. Negli ultimi anni ha ridimensionato la sua opposizione, ma è probabile che lo abbia fatto a causa della crescente pressione normativa. Tuttavia, nel 2022, una decisione storica dell’Unione Europea ha significato che molto probabilmente Apple con iOS 17 avrebbe dovuto consentire agli utenti di iPhone di scaricare app dall’esterno dell’App Store ufficiale.

Ciò è avvenuto a seguito dell’European Digital Markets Act, che richiede alle cosiddette società “gatekeeper” di aprire le loro piattaforme e servizi a società e sviluppatori alternativi. Il CEO di Apple, Tim Cook, ha protestato contro sforzi simili negli Stati Uniti, affermando che una tale mossa “minerebbe” la privacy e la sicurezza degli utenti della piattaforma. Il DMA sarà applicato da marzo del prossimo anno in Europa, quindi entro il prossimo anno, e data la tempistica del WWDC, sembra strano che non venga nemmeno menzionato.

Come nota a margine, se stai pensando che fosse già possibile eseguire il sideload dei giochi su un iPhone, hai ragione. L’utilizzo di app come AltStore ti ha permesso di abusare di una funzionalità introdotta da Apple che ti consente di installare fino a tre app gratuitamente utilizzando il tuo ID Apple.

Le aziende designate nel Digital Markets Act dovranno apportare grandi cambiamenti

Il problema per Apple è che l’Unione Europea è uno dei suoi mercati più importanti, il che significa che è necessario rispettare l’ordine o combatterlo. Le ripetute violazioni del DMA vedrebbero le aziende di fronte a multe fino al 20% del fatturato globale totale, un importo considerevole per un’azienda delle dimensioni di Apple. Mark Gurman ha precedentemente affermato che Apple stava lavorando per revisionare iOS 17 per portare il supporto per gli app store di terze parti, anche se nella prima beta non sono stati individuati segni di ciò. Anche questo è stato un problema all’orizzonte per molto tempo, quindi molto probabilmente Apple si aspettava che qualcosa di simile si presentasse.

Detto questo, non sembra esserci davvero un posto dove Apple possa funzionare quando si tratta di app di sideload, e sembra che la società sarà costretta ad aprire la sua piattaforma. Per Google questo non è un grosso problema, poiché gli smartphone Android hanno avuto accesso a negozi di applicazioni di terze parti per anni, ma si prevede che il DMA si rivolga ancora a grandi giocatori come Google, Microsoft, Amazon e Meta. Una società che è una grande fan del DMA è Spotify, che è dietro la campagna ” Time to Play Fair ” che afferma che Apple usa il suo potere per darsi un vantaggio sleale.

Mentre le aziende non sono ancora state informate se sono considerate gatekeeper o meno, i grandi attori sanno chi sono e si aspettano che sia così. L’UE ha tempo fino al 6 settembre 2023 per notificare tali società, che avranno quindi sei mesi per apportare modifiche e conformarsi al DMA. Il problema più grande di Google finirà probabilmente per essere le commissioni del Play Store che le app devono pagare se utilizzano la fatturazione di Google Play.

Il tuo iPhone potrebbe presto supportare sideload e app store alternativi

Con tutto quanto sopra come contesto, è abbastanza chiaro che molto probabilmente Apple sarà costretta a fornire un accesso alternativo all’app store. Secondo il DMA, l’UE afferma che le restrizioni che impediscono ai clienti di “scegliere tra diverse applicazioni software da diversi canali di distribuzione […] dovrebbero essere vietate in quanto ingiuste”.

Il DMA non usa mezzi termini, ed è per questo che probabilmente Apple
sta già iniziando a fare delle mosse nonostante non sia ancora stata
designata come un cosiddetto gatekeeper.

Dove le cose si confondono è che Apple non ha menzionato nulla al riguardo durante il suo WWDC annuale, e non è chiaro il motivo. È possibile che abbia tenuto sessioni sotto NDA per sviluppatori più vicini all’azienda, ma non è stato menzionato pubblicamente nulla.

Gli sviluppatori più piccoli che potrebbero non essere stati al corrente di queste
discussioni non sanno ancora come sarà il futuro della distribuzione delle app nell’UE,
e questa è l’altra parte dell’equazione: sarà uno sviluppo solo per l’UE?

Sebbene Apple abbia dovuto far fronte a crescenti pressioni normative negli Stati Uniti, potrebbe benissimo essere il caso che combatterà con le unghie e con i denti solo per revocare queste restrizioni dove è assolutamente necessario. Potrebbe revocare alcune di queste misure preventive per le versioni UE di iOS, soprattutto considerando che questo è già un luogo comune nel mondo Android.

Molti dispositivi hanno build speciali dell’UE conformi al GDPR e ad altre
normative nella regione, quindi non è del tutto inverosimile considerare
che lo stesso potrebbe essere possibile per gli iPhone.

Tuttavia, se possiedi un iPhone, tieni d’occhio eventuali sviluppi futuri. È del tutto possibile che in futuro sarai in grado di trasferire facilmente le app senza la necessità di alternative come AltStore. A meno che Apple non intenda combatterlo, allora potrebbe volerci un po’.

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Battleheart 2 debutta sull’App Store

Apple inizierà la produzione di occhiali AR per iPhone

Apple lancia in Europa il programma di riparazione self-service

Leonardo Playblog.it

Lascia un commento