NetflixNews

Il finale spiegato della serie The Recruit prima stagione

the recruit finale spiegato prima stagione

L’ultimo thriller poliziesco di Netflix, The Recruit , ha portato la sua prima stagione a un finale esplosivo. La serie ha debuttato in streaming lo scorso 16 dicembre e ha conquistato il pubblico.

La serie interpretata dall’attore divenuto famoso per Tutte le volte che ti ho scritto ti amo Noah Centineo, segue Owen, un giovane avvocato della CIA che viene coinvolto in una rete di cospirazione dopo che Max, una ex risorsa, minaccia di esporre la sua relazione con la CIA a meno che non l’aiutino a riabilitare il suo nome.

La storia è una premessa intrigante e le cose diventano più interessanti via via che gli episodi procedono fino ad un finale pieno di cliffhanger.

*attenzione spoiler*

Nel finale della prima stagione di The Recruit, Owen e Max vanno a Praga insieme per quella che dovrebbe essere una missione finale.

Max incontra un gruppo sconosciuto di russi e alla fine Max e Owen si ritrovano coinvolti in una sparatoria. Max riesce a scacciare i due e Owen rivela che Nichka era la donna che aveva precedentemente tentato di sedurre Owen al bar di un hotel.

Owen alla fine va fuori di testa per la consapevolezza di aver ucciso un uomo e alla fine minaccia di lasciare la CIA. Max gli punta contro la pistola, ma è chiaro che non sparerà.

Il finale spiegato della prima stagione di The Recruit

Passa del tempo e Owen accetta di incontrarsi con Hannah, la sua ex ragazza. Sulla strada per incontrarla, però, viene rapito e finisce legato a una sedia proprio accanto a Max.

Apprendiamo così che il rapitore è una donna bionda che ci era già stata presentata come Nichka. Ciò che diventa chiaro, però, è che non tutto è come sembra. Max conosce questa donna, il cui vero nome è Karolina, e i due iniziano a parlarsi in russo.

L’episodio poi prende la sua svolta più scioccante e improvvisa quando Karolina spara a Max, e l’episodio finisce senza che noi sappiamo se è viva o morta.

Dopo le riprese di Karolina, offre la svolta della trama più scioccante della stagione fino ad oggi, rivolgendosi a Owen e chiedendogli “Chi sei? E che cazzo ci fai in giro con mia madre?”

L’episodio finisce proprio in quell’istante. Quindi è già chiaro che The Recruit non è mai stato pensato per essere un tipo di storia di una sola stagione.

I fan si sono subito chiesti se ci sarà una seconda stagione di The Recruit e se Max è morta. Un’altra domanda che andrà sicuramente spiegata è perchè la figlia che Max sosteneva essere morta, le ha sparato.

Il finale della prima stagione di The Recruit: Max si salverà?

Max, è stata così cruciale per questa prima stagione, e sarebbe interessante vederla anche nel proseguimento della serie.

Inoltre, anche il destino finale di Owen è lasciato in sospeso, così come qualsiasi potenziale risoluzione della sua relazione con Hannah e del suo destino all’interno della CIA.

In una recente intervista sono stati rilasciati ulteriori dettagli sul finale cliffhanger della serie.

Quando Laura Haddock ha letto per la prima volta la sceneggiatura del finale di The Recruit, la sua reazione è stata un po’ inaspettata – “come Ross di Friends che vede sua sorella e Chandler pomiciare dall’altra parte degli appartamenti”, dice a Tudum. “Ero tipo, ‘No, no, no. Non può succedere!’”

Ma è tutto reale: negli ultimi istanti della prima stagione del thriller di spionaggio, l’avvocato della CIA Owen Hendricks (Noah Centineo) e l’asset russo Max Meladze (Haddock) si ritrovano legati in uno scantinato che perde quando la stessa donna bionda con cui Owen aveva flirtato in precedenza…(e poi individuato durante la sparatoria finale) entra nella stanza con una pistola.

“Karolina”, dice Max, sorpresa – prima che la donna le spari al petto e si rivolga a Owen: “Chi sei, e che cazzo stai facendo con mia madre?”

La star Haddock e il creatore Alexi Hawley – il finale cliffhanger di The Recruit

Haddock quando ha letto la sceneggiatura ha avuto la stessa domanda: “Ero tipo, ‘Cosa significa, Alexi?’ Ma chi lo sa? Non ho idea di cosa significhi”. “Potrebbe andare in entrambi i modi, suppongo.”

Il creatore Hawley non rivelerà se Max è morta o no.

“Guarda, abbiamo fatto la cosa più drammatica che si potesse fare. E abbiamo fatto la cosa che stavamo costruendo per tutto il tempo, anche se il pubblico non lo sapeva, il che alla fine era – la storia di Max e Owen è quella di lei come sopravvissuta patologica.”

“Sia che lei si preoccupi per lui, sia che non lo faccia, che si prenda cura di suo figlio o meno – tutto viene in secondo piano rispetto a lei che arriva solo al giorno successivo. Questo alla fine la rende una figura un po’ tragica, quindi era importante arrivare a quel punto.”

“Quindi, ovviamente, la svolta è stata potente. Al giorno d’oggi, dove ci sono 9.000 cose in televisione, devi essere audace, devi fare le cose in grande, e ho sentito che ci siamo davvero guadagnati quel momento.”

La relazione madre-figlia in The Recruit?

Scherzando Hawley ha detto che senz’altro è una relazione disfunzionale. Il retroscena fuori dallo schermo di Haddock era che Max aveva avuto Karolina da adolescente.

“Quindi era molto giovane, tipo 16enne, e non era una madre presente perché era così giovane e impegnata a lavorare per la mafia russa.”

“Penso che ci sia sicuramente un istinto materno, ma c’erano molti affari in sospeso per Max come madre. Quella dinamica e relazione è complicata quando hai avuto una figlia così giovane, e Max è stata imprigionata per così tanto tempo e lei aveva fatto delle cose davvero brutte di cui la figlia è a conoscenza.”

La squadra d’assalto era manovrata da Karolina. “Stava seguendo Owen; ha avuto quella scena di sex-spionaggio al bar. Ha sentito che sua madre era tornata e se ne sarebbe occupata lei.”

Nell’intervista poi è stato chiesto a Hawley “Come ti sei accontentato di “Trouble” di Taylor Swift come colonna sonora… ehm… di sollievo di Owen nella scena che ha aperto la stagione e che è continuata nel finale?”

“Qual è la cosa che meno ti aspetteresti? Nella mia testa, avevo l’introduzione di Eddie Murphy da 48 Hours , che cantava ‘Roxanne’ nella cella della prigione”, dice Hawley.

“Quindi mi è sembrato davvero un ottimo modo per presentare un personaggio, un vantaggio, che era inaspettato. Non puoi mai sbagliare con Taylor Swift. Quello che mi è tornato in mente è che doveva approvare personalmente le sincronizzazioni per la licenza delle sue canzoni, e quindi l’idea che doveva guardare una clip e dire di sì è stata molto divertente per me.

Il cameo di Nathan Fillion

“L’ho chiamato! È la star di The Rookie , cosa che faccio anche io”, dice Hawley. “Avevamo bisogno di un direttore della CIA per quegli episodi, qualcuno [che potesse] entrare e possedere immediatamente la padronanza del ruolo.

Nathan è proprio una figura esagerata e il ragazzo più simpatico del mondo, e quindi io sono tipo, ‘Lo farai?’ Ha detto di sì prima che finissi la domanda, il che è davvero carino da parte sua.

La buona notizia è che il direttore potrebbe anche tornare per una seconda stagione. Il creatore della serie coordinando anche le attività su The Rookie può fare in modo che questo accada.

 

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Revisions: Il nuovo anime Netflix

Thor arriva su Netflix disponibile anche The Dark World

Ti giro intorno: il nuovo film romantico in arrivo su Netflix

playblog.it

Lascia un commento