Tecnologia

Tesla accusata di sopravvalutare deliberatamente l’autonomia dei veicoli elettrici

Tesla accusata di sopravvalutare deliberatamente l'autonomia dei veicoli elettrici

Secondo quanto riferito, l’ufficio di supporto di Tesla ha deviato o cancellato centinaia di rapporti sull’ansia da autonomia dei veicoli elettrici ogni settimana

Un nuovo ampio rapporto di Reuters afferma che il principale produttore di veicoli elettrici Tesla ha utilizzato stime di autonomia eccessivamente ottimistiche e ha incaricato il personale di deviare i reclami relativi all’autonomia, ma lo stato attuale di queste politiche non è chiaro.

Fonti hanno detto a Reuters che Tesla a un certo punto ha utilizzato algoritmi per fornire ai clienti stime esagerate per l’autonomia massima dei suoi veicoli elettrici e ha dedicato un intero ufficio a mettere a tacere i reclami sulla questione. Non è noto se Tesla utilizzi ancora gli algoritmi, ma i tester di terze parti hanno recentemente affermato che le auto non riescono a soddisfare le autonomie elettriche pubblicizzate.

La pratica è iniziata circa un decennio fa per scopi pubblicitari ed è stata diretta dal CEO di Tesla Elon Musk. I numeri gonfiati apparirebbero sul cruscotto di un veicolo quando sono a piena carica o quasi, ma passerebbero a una stima più realistica dopo essere scesi al di sotto del 50 percento, il che potrebbe dare ai conducenti l’impressione che l’autonomia stia drasticamente diminuendo.

Parte del problema è che i numeri di Tesla sull’autonomia veicoli elettrici non tengono conto delle condizioni ambientali, che possono avere un impatto significativo sull’autonomia.

Il freddo ha un effetto particolarmente acuto sulle batterie dei veicoli elettrici, dimezzandone potenzialmente l’autonomia. Altri fattori come periodi prolungati di guida ad alta velocità, pendenze ripide e vento contrario possono anche ridurre il tempo tra la ricarica. L’azienda, tuttavia, ospita informazioni sulle condizioni che influiscono sull’autonomia di guida sul suo sito Web e i recenti aggiornamenti ai suoi veicoli elettrici mostrano maggiori informazioni sul consumo della batteria.

Sebbene la notizia della politica sia emersa solo di recente, Tesla ha già avuto problemi con le autorità di regolamentazione negli Stati Uniti e nella Corea del Sud a causa della questione. Le stime dell’autonomia che devono essere visualizzate sui veicoli elettrici in vendita negli Stati Uniti in genere provengono direttamente dall’EPA (Environmental Protection Agency), ma Tesla utilizza test interni.

Dal 2020, l’EPA ha richiesto alla società di rivedere i suoi numeri di circa il tre percento. A gennaio, la Korea Fair Trade Commission ha inflitto a Tesla una multa di 2,2 milioni di dollari per non aver comunicato ai clienti gli effetti delle basse temperature sulle batterie dei veicoli elettrici e ha costretto la società ad ammettere la falsa pubblicità.

La discrepanza tra le gamme pubblicizzate e le gamme sperimentate da molti conducenti in natura ha portato a così tanti reclami da parte dei clienti che Tesla ha aperto una divisione a Las Vegas dedicata esclusivamente a deviare e chiudere i casi di supporto senza necessariamente risolvere i problemi sottostanti. I dipendenti celebravano regolarmente la chiusura dei casi e ricorrevano a varie tattiche per farlo, deviando o annullandone centinaia a settimana.

Ad un certo punto, al personale di Las Vegas è stato chiesto di provare a terminare le chiamate entro cinque minuti e di annullare un caso se il cliente non rispondeva la prima volta che chiamavano.

Inizialmente, i dipendenti eseguivano la diagnostica remota prima di comunicare ai clienti che le loro batterie erano in buona salute, ma hanno smesso di farlo alla fine del 2022.

L’azienda attualmente gestisce i casi di range attraverso un ufficio dello Utah, e non è chiaro come conduca oggi la stima del range, ma recenti analisi esterne mostrano ancora discrepanze. Un rapporto del 2021 di Edmunds ha rilevato che la maggior parte dei modelli Tesla manca le stime della portata EPA anche quando si tiene conto del presunto “cuscinetto di sicurezza” di 15 miglia. I modelli di altri produttori si sono avvicinati alle stime EPA e hanno quasi sempre superato le gamme pubblicizzate. Più recentemente, una società di analisi dei veicoli elettrici ha dichiarato a Reuters che i numeri di Tesla non tengono conto dei fattori ambientali fino a quest’anno.

Il rapporto ricorda un incidente di maggio in cui un dipendente ha fatto trapelare rapporti di migliaia di reclami sulla sicurezza e sulla privacy precedentemente sconosciuti. Il tesoro di documenti ha rivelato che il personale di supporto ha deliberatamente evitato di lasciare tracce cartacee dei reclami, favorendo la comunicazione orale e rifiutando di registrare le chiamate.

Nonostante le polemiche, i veicoli Tesla continuano a registrare forti vendite. I recenti tagli di prezzo e la performance positiva in Cina hanno aiutato la Model Y a diventare il primo veicolo elettrico in cima alla lista delle auto più vendute al mondo nel primo trimestre di quest’anno.

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Che cos’è Amazon Prime? Scopri i vantaggi

Temporary Road – (una) Vita di Franco Battiato su RaiPlay

playblog.it

Intelligenza artificiale più umana? Ci pensa Semantic Machines

Lascia un commento