NetflixSerie TV

Squid Game: La sfida il dietro le quinte sul nuovo reality di Netflix

netflix squid game la sfida dietro le quinte

Il dietro le quinte al nuovo reality game show di Netflix “Squid Game: La sfida” è ora in streaming su Netflix.

Netflix ha appena concluso la prima stagione della sua serie spin-off di “Squid Game”: “Squid Game: The Challenge”; — ed è stata un’impresa enorme.

Il servizio di streaming ha pubblicato così un documentario di 30 minuti sulla realizzazione della serie e con interviste ai progettisti del gioco, ai membri del team artistico e di costruzione e ai produttori esecutivi.

Lo sguardo dietro le quinte dello spettacolo rivela ciò che è stato necessario per creare un mondo coinvolgente quanto quello di “Squid Game”; – uno in cui centinaia di persone reali potessero effettivamente vivere.

Ecco 13 dettagli sulla realizzazione della serie dal documentario Squid Game: La Sfida – Dietro le quinte.

Lo speciale Squid Game: La sfida il dietro le quinte è ora disponibile in streaming su Netflix

Squid Game: La sfida il dietro le quinte è uno speciale del reality game show del 2023 della durata di 30 minuti disponibile in streaming su Netflix a partire dal 7 dicembre 2023.

Guarda un video sul set del gioco Squid Game: La sfida in streaming ita su Netflix

Sviluppare le esplosioni di inchiostro per i giocatori eliminati è stato un processo complesso.

Quando i giocatori vengono eliminati nello show, ovviamente non muoiono come nel dramma originale. Piuttosto, una spruzzata di inchiostro nero esplode sul loro petto e, spesso, dopo di ciò, mimano la caduta a terra.

Per creare l’effetto, i giocatori indossavano sotto le magliette e le tute un gilet che conteneva bombole d’aria e l’ugello da cui l’inchiostro sarebbe esploso.

Ma l’effetto coinvolgeva anche ciò che i giocatori indossavano sopra. La costumista Rikki Finlay ha spiegato nel documentario che hanno dovuto spogliare i giocatori, immergere le magliette nell’aceto e lavandole. Ciò ha permesso all’inchiostro di esplodere e di creare un effetto migliore.

Il produttore esecutivo Stephen Yemoh ha spiegato che l’inchiostro nero era un riferimento, in parte, all’inchiostro di seppia.

Guarda il dietro le quinte in streaming su Netflix

Le guardie sono state addestrate su come muoversi e agire.

Yemoh ha spiegato nel documentario che gli attori che interpretavano le guardie del gioco si sono allenati con un coreografo, che ha assicurato che tutti camminassero e stessero nello stesso modo.

I nuovi giochi avevano lo scopo di illustrare, e ricalcare, la tensione interpersonale tra i giocatori.

A differenza di “Squid Game”, i produttori non sono riusciti a eliminare il dramma e la tensione che rendono buono lo show. Invece, hanno dovuto utilizzare nuovi giochi per alzare la posta tra i concorrenti, ha detto il produttore esecutivo Stephen Lambert nel documentario.

“Sono momenti in cui individui o gruppi di persone sono chiamati a prendere decisioni molto difficili che mettono alla prova la loro moralità, ma anche la loro strategia,” ha detto il produttore esecutivo Tim Harcourt.

Il “Semaforo rosso, semaforo verde” la bambola è stata stampata in 3D.

Ovviamente, la bambola (conosciuta anche con il nome “Young-hee”) è stata modellata su quella dell’originale “Squid Game”.

Toni Ireland, un produttore esecutivo, ha detto nel documentario che la bambola è stata realizzata utilizzando la stampa 3D e ha elementi meccanici che permettono alla sua testa di ruotare.

Bryn Williams, il consulente tecnico del gioco nello show, ha detto che il team ha sviluppato il software di tracciamento del movimento per il “Semaforo rosso, semaforo verde”. E lo ha fatto costruendo prima un simulatore in grado di gestire le dimensioni di un gioco da 456 giocatori.

Ogni concorrente indossava un tracker durante la partita. C’erano 16 telecamere che osservavano i giocatori alla ricerca di movimento.

Hanno spiegato che quando si trattava di decidere le eliminazioni, i giudici dello spettacolo avrebbero controllato tutti gli “eventi” e avrebbero dovuto decidere le eliminazioni tra cui anche gli eventuali movimenti ambigui sul campo di gioco.

A differenza dell’originale “Squid Game”, i giocatori non giocano a “Red Light, Green Light” sulla sabbia.

Il direttore artistico Luke Fuller ha spiegato nel documentario che la sabbia avrebbe attivato i rilevatori di movimento mentre i giocatori la sollevavano. Invece, la produzione ha steso solamente un tappeto che sembrava sabbia.

I bagni dei giocatori sono stati realizzati parzialmente con piastrelle dai colori personalizzati.

Oltre a dover rendere funzionali gli spazi delle docce e dei servizi igienici rispetto al dramma originale, la produzione ha anche avuto difficoltà a replicare esattamente l’aspetto dei bagni nello show.

Il direttore artistico Luke Fuller ha affermato nel documentario che è stato particolarmente difficile ottenere i colori giusti per le piastrelle del bagno. Alla fine, la produzione ha ordinato le piastrelle in un colore specifico e ne ha fatte realizzare 60.000 su misura e se le è fatte spedire dalla Spagna.

Ma i letti a castello erano ancora più complicati. Secondo Fuller, ogni letto a castello nello show era realizzato su misura, compresi i materassi, che erano cuciti a mano.

La produzione ha testato più formule per il biscotto di caramello

Molto prima della registrazione, la troupe ha dovuto testare diverse formule per le caramelle Dalgona (il biscotto di caramello) per assicurarsi che non si rompessero rapidamente o diventassero troppo appiccicose, ha detto nel documentario Eaman Kadhim, chef senior dello sviluppo presso Tastehead.

Ciò includeva testare diverse formule, modi per conservare le caramelle e diversi metodi per prepararle. Per renderli uniformi, dovevano anche assicurarsi che le forme fossero impresse contemporaneamente sul set di caramelle, ha detto Lucy Rock, project manager di Tastehead.

Tra i giochi invece, la produzione ha sostituito il tiro alla fune del dramma originale perché era difficile renderlo un gioco leale. E hanno pensato al gioco di battaglia navale.

“Non riuscivamo davvero a trovare un modo per farlo (il tiro alla fune) in modo logistico o equo, e penso che tutti abbiamo lasciato perdere,” ha detto il produttore esecutivo Tim Harcourt.

Ecco perché lo spettacolo l’ha sostituita con navi da guerra: una sfida a squadre simile a una “corazzata”.

La replica dei set di Squid Game nel dietro le quinte di Squid Game La Sfida

La troupe artistica ha tentato di ricreare più oggetti di scena, oltre all’estetica generale, dell’originale “Squid Game”; sul set di biglie.

“C’era un sacco di approvvigionamento di pentole e padelle tradizionali coreane e cose del genere perché volevamo essere il più fedeli possibile al dramma,” Fuller, il direttore artistico, ha detto.

Alcuni oggetti di scena, ha detto, erano quasi identici allo spettacolo, incluso un triciclo e un aspirapolvere Hoover sul set.

E poi un ingegnere strutturale ha dovuto approvare il ponte di vetro…

Inizialmente, il team del gioco ha provato a costruire le lastre di vetro fragili con il vetro di zucchero, ha detto il designer del gioco Ben Norman. Tuttavia, rappresentava ancora un pericolo per i giocatori, quindi sono passati alle botole.

Le botole dovevano essere più grandi rispetto a quelle del gioco originale “Squid Game”. disse Norman, e di conseguenza l’intero ponte è dovuto essere più grande.

“Questa cosa finisce per diventare come un ponte lungo 32 metri che pesava tre o quattro tonnellate e doveva avere l’approvazione di un ingegnere strutturale”.

Invece, per la cena finale, la produzione è riuscita a recuperare i coperti per la cena dallo stesso fornitore dello spettacolo originale.

“Per l’Ultima Cena, volevamo essere quanto più fedeli e realistici possibile al set originale. Ci sono dettagli davvero intricati sul tavolo,” Fuller, il direttore artistico, ha detto. “Abbiamo trovato il fornitore che ha fornito il dramma e lo abbiamo replicato il più fedelmente possibile.”

 

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Super Rich in Korea vite sfarzose dei super ricchi serie Netflix

playblog.it

Supersex la serie su Rocco Siffredi spopola su Netflix

playblog.it

Bake Squad – Squadra pasticcieri una dolcissima serie da non perdere su Netflix

playblog.it

1 commento

La scena finale di Squid Game La Sfida è stato necessaria rigirarla - PlayBlog.it 24/12/2023 at 12:30

[…] Squid Game: La sfida il dietro le quinte sul nuovo reality di Netflix   […]

Reply

Lascia un commento