Prime Video

La spiegazione del finale della serie Hunters stagione 2

hunters stagione 2 finale spiegato

La spiegazione del finale della serie Hunters stagione 2 in streaming su Amazon: la seconda stagione della serie ci ha portato velocemente al finale della serie.

La serie “Hunters” segue un gruppo immaginario di cacciatori di nazisti mentre tentano di rintracciare i nazisti nascosti mentre lottano con la moralità dei loro sforzi e gli effetti del trauma generazionale alla fine degli anni ’70.

La prima stagione vede Jonah (Logan Lerman) prendere il posto di sua nonna tra i cacciatori dopo che rimane uccisa. C’è anche la devastante rivelazione che Meyer Offerman (Al Pacino), un uomo che finge di essere un ebreo sopravvissuto all’Olocausto, è in realtà un ex nazista.

La seconda stagione segue invece la teoria del complotto secondo cui Adolf Hitler è sopravvissuto alla guerra, presentando lui e sua moglie Eva Braun come personaggi che sperano di realizzare un Quarto Reich.

Il finale della seconda stagione è a dir poco una corsa sfrenata. E abbiamo pensato che fosse utile una spiegazione del finale della stagione.

Purtroppo come nella realtà, anche nella finzione di Hunters, non tutte le storie del passato hanno avuto una conclusione soddisfacente: nonostante le indicibili atrocità commesse dai nazisti, molti alti dirigenti sopravvissero e ebbero successo dopo la guerra.. ma entriamo più in dettaglio nella seconda stagione di Hunters.

*attenzione spoiler*

Il processo ad Adolf Hitler

Dopo che il sistema giudiziario non riesce a punire un noto criminale di guerra nazista nonostante un’enorme quantità di resoconti di prima mano descrivono in dettaglio la sua brutalità, l’agente dell’FBI Millie Morris (Jerrika Hinton) prende in mano la legge e lo uccide in un breve confronto.

Questo la costringe a nascondersi e porta a una crisi di moralità: inizia a preoccuparsi di essersi spinta troppo oltre. Tuttavia, le sue azioni vengono perdonate (dalle autorità e nella sua stessa mente) dopo che ha svolto un ruolo importante nel portare Hitler in giudizio.

Quando il leader nazista viene rintracciato, Jonah decide di consegnarlo invece di ucciderlo sul colpo. Millie è in grado di svolgere un ruolo nel consegnare Hitler al sistema giudiziario, il che lo porta a essere processato per i suoi crimini atroci.

Questo non solo dà a Millie e agli altri la possibilità di costringere il ramo giudiziario a fare il suo dovere e condannare quest’uomo i cui crimini contano beni in milioni. Ma permette anche all’attore Udo Kier (Hitler) di mostrare le sue capacità di recitazione.

Sotto interrogatorio, Hitler si appoggia alle molte bugie del fascismo, insistendo sul fatto che chiunque prenda posizione contro di lui fa semplicemente parte di una più ampia cospirazione organizzata dal popolo ebraico.

Poi lo vediamo insistere sul fatto che i suoi sostenitori lo seguiranno sempre, dicendo alla corte che è pienamente consapevole del danno che ha causato e non ne è minimamente dispiaciuto.

Il processo ci presenta così l’idea che non si possa ragionare con i fascisti e che il rimorso sia al di là di loro, visto che le loro convinzioni sono così ben radicate.

La verità sulla morte di Ruth viene rivelata

Meyer muore nel finale della prima stagione dopo che Jonah ha scoperto di essere un imbroglione. Il personaggio però ritorna per una serie di flashback nella seconda stagione.

Mentre la prima stagione esplora gli orrori che Ruth e il suo amante – il vero Meyer – hanno subito durante il loro periodo nel campo di concentramento, la seconda stagione di Hunters mostra la vera malizia di un impostore che sembra esistere al di fuori del resto del cast a causa della sua natura connivente, sadismo distaccato e brutalità sempre più disperata.

Sebbene questi flashback non siano del tutto necessari per la storia generale della seconda stagione aggiungono qualche dettaglio in più. Uno cruciale riguarda ciò che è realmente accaduto alla nonna di Jonah, Ruth.

Nella prima stagione vediamo che Ruth muore per mano del nazista Richter. Qui scopriamo che la sua morte è stata effettivamente orchestrata dall’uomo che si atteggiava a Meyer.

Dopo una scena particolarmente brutale in cui Ruth chiede alla giustizia di agire contro noti nazisti nascosti, Meyer parla all’uomo in privato, liquidandola come “una donna anziana” e dicendogli di lasciar perdere.

Quando Ruth scopre la verità su chi è, informa con calma Richter della minaccia che lei rappresenta per lui e si siede mentre la uccide. Ciò dimostra che, nonostante il falso Meyer (il cui vero nome è Wilhelm Zuchs) sia diventato un cacciatore per espiare i suoi peccati, è ancora solo un nazista egoista che prenderà la vita per preservare i suoi.

Il finale spiegato della stagione 2 di Hunters

Conosciuto come Il colonnello per gran parte della prima stagione, alla fine apprendiamo che il neo-nazista dietro a tanti dei problemi del nostro gruppo disordinato in realtà non è altro che la famigerata figura del mondo reale Eva Braun, che divenne Eva Hitler poco prima che lei e il leader nazista morì suicidanel 1945.

Con le forze sovietiche che si avvicinavano al loro bunker di Berlino, presero in mano la situazione, sapendo che la fine era vicina.

Come i fan di “Hunters” sanno, il finale della prima stagione suppone che siano effettivamente fuggiti e sopravvissuti, con Braun (interpretata da Lena Olin) che assume la leadership attiva e tenta di realizzare il Quarto Reich portando avanti misfatti criminali e reclutando neo-nazisti, come lo squilibrato Travis (Greg Austin).

Nella stagione 2 di Hunters scopriamo che Hitler si è nascosto e generalmente ha vissuto quella che dovrebbe essere una vita pacifica in una bellissima tenuta remota in Sud America, ma è ossessionato dai suoi sogni di tornare al potere.

È chiaro che non tutto va bene con la coppia di potere nazista. Mentre Hitler è un egoista ossessionato dalla propria importanza per una nuova generazione, Eva lo ha quasi usurpato nella catena di comando, insistendo sul fatto che è diventato completamente inutile e che lei sarà un leader più adatto in futuro.

Questo la pone in una posizione di autorità agghiacciante su persone come Travis. Ma allo stesso tempo sottovaluta il suo livello di devozione nei suoi confronti ed è scioccata quando lui la uccide nella speranza di prendere il suo posto al vertice della catena di comando nazista.

Questo porta Travis quasi ad essere ucciso da Jonah, solo per scappare apparentemente, creando uno dei pochi misteri aperti del finale della seconda stagione.

La condizione dei ricordi terribili del nazismo – il finale spiegato della seconda stagione

Gli episodi che “riviviamo” tramite flashback sono tanti. Ad esempio vediamo Ruth nel campo di concentramento che ci dice tutto ciò che dobbiamo sapere su ciò che l’ha spinta a una vita di lotta appassionata per un mondo in cui questi mostri non potevano sfuggire ai loro crimini.

Il penultimo episodio della seconda stagione prende una direzione a sorpresa diversa. Mentre Jonah prende a calci Hitler lungo un sentiero con la punta della sua pistola, veniamo improvvisamente trasportati nella casa del capo architetto dei nazisti.

Quest’uomo e sua moglie nascondono segretamente molti ebrei mentre giurano lealtà al regime di Hitler, ma quando i nazisti vengono a ispezionarli, la coppia viene infine uccisa e un alto si impossessa della loro casa.

Dopo un’esplosiva serie di morti, un ragazzino corre nel bosco con i suoi fratelli, dicendo: “Penso che siamo fantasmi. Questa è una storia di fantasmi”.

Nel presente, vediamo che quello è diventato l’uomo che trasporterà Hitler.

Il finale della stagione 2 di Hunters: convivere con la moralità

Ogni personaggio di “Hunters” è alle prese con le pesanti conseguenze emotive delle proprie azioni in un modo o nell’altro. Jonah è colpito dal rimorso per gli eventi della prima stagione e sta tentando di vivere una vita normale.

Tuttavia, si ritrova incapace di rinunciare ai suoi modi da cacciatore, conducendo una sorta di doppia vita che alla fine tutto crolla intorno a lui. La sua storia non è necessariamente unica tra i Cacciatori, poiché tutti lottano con la violenza che deriva dalla loro vocazione per tutta la serie.

Dopo aver ucciso il fraudolento Bishop, anche Millie è ossessionata dall’etica delle sue scelte, incapace di far fronte alla sua decisione di porre fine alla vita di un uomo nonostante i suoi crimini contro l’umanità.

Mentre questi personaggi centrali sono afflitti dalla moralità della caccia e dell’omicidio di persone nonostante le cose che hanno fatto, i veri mostri come Il colonnello, l’uomo che si atteggia a Meyer e Adolf Hitler non hanno tali dubbi.

In questo modo, mettere Hitler sotto processo mostra agli Hunters che costringono il mondo a legittimare la loro incapacità di lasciar andare queste cose, e vede Millie tornare negli Stati Uniti, ufficialmente perdonata per l’uccisione del vescovo.

Le cose non sono così semplici per Jonah: la sua fidanzata è mortificata quando vede chi è veramente, portando a una temporanea separazione.

Nel finale della seconda stagione di Hunters, vediamo che apparentemente l’ha superata, dato che i due sono sposati. La serie pone così molte domande ma non necessariamente risponde a tutte. Infatti la narrazione lascia comunque spazio a questi personaggi per perdonare se stessi per le cose che hanno fatto.

Hunters stagione 2 la spiegazione del finale

Nella seconda stagione, incontriamo Chava (Jennifer Jason Leigh), la sorella minore di Ruth che si credeva da tempo fosse morta in guerra. Sebbene Chava ami teneramente sua sorella, si rifiuta di contattarla, notando che le farebbe solo male vedere la donna che è diventata.

Allo stesso modo, lascia l’amore della sua vita quando si rende conto che lui vuole che rinunci alla lotta e si sistemi. Sebbene sia violenta all’estremo, vediamo una donna che è stata assolutamente sconvolta dalle cose che ha visto e vissuto.

Per lei non c’è vita al di fuori della sua ricerca di vendetta, e nega ogni opportunità per crearne una a favore di continuare la sua missione.

Non tutti i personaggi di questa serie sono sopravvissuti all’Olocausto, ma quelli che lo sono sopportano il peso dell’esperienza vissuta mentre tentano di navigare in un mondo che dice loro che è andato avanti.

Mentre i cacciatori sono tutti spinti dalla pura ingiustizia dei nazisti sopravvissuti che continuano a vivere vite felici, personaggi come Chava, Ruth, Murray, Zev e Mindy portano le cicatrici – visibili o meno – dei disumani campi di concentramento.

Questo si manifesta in modo diverso per ognuno di loro, ma il doloroso ricordo di Mindy della morte di suo figlio, la sua lacrimosa osservanza che non può essere vecchia perché lei e Murray avrebbero dovuto invecchiare insieme, e la sua dolorosa testimonianza nel finale portano a casa il puro perdita e senso di colpa del sopravvissuto che questi personaggi provano.

Ci sono questioni non risolte nel finale della stagione 2 di Hunters?

Non ci sono molti aspetti lasciati irrisolti nel finale della seconda stagione, e la maggior parte dei personaggi principali sembra aver ottenuto quello che desiderava.

Millie e Harriet si sono innamorate e Millie è apparentemente tornata alla sua vita di agente dell’FBI. Roxy e Lonny hanno fatto ammenda, Joe è fuori per avventure e Jonah è sposato con la sua fidanzata dopo che una stagione molto tumultuosa ha quasi visto il loro legame spezzarsi per sempre.

Sembra che alla fine tutto abbia funzionato per l’equipaggio, liberandoli per condurre nuove vite lontano dall’influenza dei molti traumi che ognuno di loro ha vissuto durante la serie.

Ma sono davvero pronti a rinunciare alla caccia ai nazisti?

Il matrimonio di Jonah lo vede giurare di rinunciare alla sua vecchia vita, ma poi appare Harriet e propone a Jonah l’idea di tornare là fuori per uccidere altri nazisti in nome dei vecchi tempi.

La conclusione della serie è aperta in questo modo, con Jonah che guarda in lontananza un uomo che presumiamo essere un ex nazista prima che lo schermo diventi nero.

Non possiamo dirlo con certezza, ma scommetteremmo che quest’uomo non sopravviverà alla notte. È probabile che la moglie di Jonah, Clara, questa volta si unisca ai Cacciatori piuttosto che sedersi in disparte. Sembra che la caccia sia destinata a diventare un affare di famiglia.

Poi la storia di Meyer si rispecchia con quella di Hitler, che, dopo il processo, viene condannato all’ergastolo, dove viene completamente dimenticato. Anche se può sembrare una scelta insolita, ma per una persona così affamata di attenzione e convalida della sua ideologia, quale punizione più adatta ci può essere che l’essere dimenticato?

Dall’altra parte molti di quelli al suo comando furono processati e giustiziati durante i processi di Norimberga, lo stesso Hitler morì relativamente pacificamente per suicidio.

Il finale che gli viene dato è adeguatamente patetico mentre grida “Non sai chi sono?”. Lo vediamo così costretto a sopportare qualcosa che, per un uomo come Hitler, è un destino peggiore della morte.

Amazon Prime Video

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Un uomo tranquillo: un suspense thriller su Amazon Prime Video

Alessio PlayBlog.it

The Beekeeper (2024) un film d’azione da vedere in streaming su Prime Video

Alessio PlayBlog.it

La Felicità Continua: Un Film Concerto dei Jonas Brothers su Amazon Prime Video

Lascia un commento