NetflixNews

Intervista con l’editor di One Piece Eric Litman

Intervista con l'editor di One Piece Eric Litman

La serie live-action di One Piece è stata un enorme successo per Netflix e da allora è stata rinnovata per una seconda stagione.

One Piece è il primo adattamento live-action dell’omonimo manga amato da Eiichiro Oda, creato da Steven Maeda e Matt Owens.

Prima di lavorare su One Piece, Eric Litman ha lavorato su Agents of SHIELD della Marvel, sul riavvio di Magnum PI, Black Sails, Revenge e Star Trek Picard.

Come sei stato coinvolto per la prima volta in One Piece?
Eric: Beh, ho lavorato ad Agents of SHIELD per sette stagioni e ho avuto il privilegio di lavorare con Matt Owens [showrunner di One Piece], che era uno scrittore-produttore di quello show. Quindi, lui e io abbiamo avuto una storia insieme, e gli episodi che abbiamo realizzato sono sempre stati molto divertenti, enormi, e sono sempre risultati fantastici. Quindi, quando lo show finì, sentii che stava facendo One Piece . L’ho contattato e mi ha detto: mi piacerebbe coinvolgerti, dato che stiamo lavorando su una sceneggiatura proprio ora. Sfortunatamente, nel mezzo c’è stata una pandemia. Così passarono alcuni anni. Non ero sicuro quale fosse lo stato dello spettacolo; Non sapevo se fosse andato via.

Poi, poco dopo che le cose hanno iniziato a riaprire di nuovo, ho contattato Chris Symes alle Black Sales, c’è un altro spettacolo a cui ho lavorato, e ho semplicemente detto, sto cercando lavoro, conosco questo spettacolo che state facendo ragazzi . E lui ha detto che mi sarebbe piaciuto coinvolgerti, poi ha contattato di nuovo Matt e lui ha detto: non mi sono dimenticato di te.

La serie live-action di One Piece era in lavorazione da molto tempo?

Eric: In realtà sono passati diversi anni. Passarono alcuni anni prima che ne fossi consapevole. E poi, è stato nell’ottobre o nel novembre del 2019 quando ho iniziato a parlare con Matt, e poi c’è stato un grande divario. Poi non ho più avuto loro notizie in modo serio fino a, forse, un paio d’anni dopo. Anche allora, quando ho fatto il colloquio per il progetto pilota e ho partecipato all’incontro, è stata una grande chiamata Zoom con persone in Sud Africa, alcune in Australia, e io ero negli Stati Uniti.

Poi sono passati diversi mesi e non ho sentito nulla. Pensavo fosse un peccato, ma non l’ho capito. Poi ho ricevuto una telefonata che diceva: Ehi, vogliamo coinvolgerti negli episodi tre e quattro. Di cui sono estremamente orgoglioso. Ho fatto quegli episodi e sono venuti davvero bene.

Il montatore originale, Kevin Ross, che è stato attivo per un lungo periodo, doveva andare al suo spettacolo successivo. Poi c’era Tessa Verifas, una delle redattrici in Sud Africa, e aveva preso in carico il pilot per un breve periodo. Poi dovette passare a qualcos’altro. Quindi mi hanno lasciato occuparmi del pilot. Mi sono occupato di più degli appunti in studio, alcuni di Oda, che erano fantastici. Nei suoi appunti avresti piccole illustrazioni dei personaggi. Quindi è stato bello. E su questo ci siamo concentrati principalmente sull’apertura dello spettacolo perché One Piece è un mondo così diverso e unico. Dovevamo capire dove eravamo e quello era il mio obiettivo principale. Sono andato con il pilota.

Quindi, hai aiutato a preparare il terreno per il grande pirata?

Eric: Sì, come ben sai, One Piece è composto da tanti generi messi insieme. C’è lo steampunk, ci sono i pirati, c’è la tecnologia moderna, la vecchia tecnologia, una tecnologia diversa. Quindi è stata una sfida spiegare davvero dove siamo e come entriamo in quel mondo. Ad esempio, devi sapere chi è Gold Roger perché se non lo fai, l’intero concetto dello spettacolo potrebbe non funzionare.

È stata una bellissima esperienza farlo perché avevamo un grande reparto di effetti visivi, Victor Ramsey, Victor Scalise e Scott Ramsey. È stata una grande collaborazione perché avremmo ricevuto alcuni appunti e avremmo discusso di come siamo entrati in questo mondo. E direi ai ragazzi, e se avessimo una ripresa che facesse questo, e loro lo temprerebbero rapidamente per me, e voi lo inserireste nello show. Quindi questo farebbe da trampolino di lancio verso qualcos’altro e qualcos’altro.

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

The Politician la nuova serie disponibile su Netflix

Guarda ora tutta la Stagione 3 di Riverdale su Netflix

Mattia PlayBlog.it

Pálpito – The Marked Heart Stagione 2 è disponibile su Netflix

playblog.it

Lascia un commento