Prime Video

Il finale della prima stagione di Sono Vergine

sono vergine finale prima stagione spiegato

La prima stagione della serie surreale Sono Vergine (I’m a Virgo) termina con uno strano finale: ma cosa significa davvero la fine dello show di Boots Riley?

La serie Sono Vergine è una storia divertente, surreale e travolgente che presenta un finale sorprendente. Sebbene Boots Riley sia stato una leggenda dell’hip-hop per decenni prima dell’uscita di Sorry To Bother You nel 2018, quella satira indipendente lo ha reso un grande talento cinematografico.

Sono Vergine di Amazon, vede il regista tornare per la storia di Cootie, un nativo di Oakland alto 4 metri. Il raggiungimento della maggiore età di Cootie e la sua introduzione alla vita americana sono raccontati nella prima stagione di Sono Vergine.

*attenzione seguono spoiler della prima stagione di Sono Vergine*

Cootie trascorre la maggior parte della prima stagione di Sono Vergine sviluppando amicizie con Jones, Felix e Scat mentre fa l’amore con Flora, una lavoratrice della catena di fast food locale Bing Bang Burger.

Tuttavia, quando Scat viene ucciso dal rifiuto di un operatore sanitario di curarlo, Cootie tenta di vendicare la morte del suo amico e usa la sua ritrovata fama per sempre.

Cootie, Flora, Felix e un gruppo di gente del posto si uniscono per chiudere il regolatore di una centrale elettrica locale. Questo dà brevemente potere alla sua comunità della classe operaia prima che l’impianto sostituisca prontamente il regolatore.

Nel finale della prima stagione di Sono Vergine: Cootie sconfigge l’eroe?

Il finale di I’m A Virgo si concentra sul potere della narrazione come strumento politico nella costruzione di un movimento rivoluzionario di sinistra. Cootie si considera un cattivo perché sta combattendo contro l’Eroe.

L’Erore è uno sfrenato miliardario interpretato da Walter Goggins. Si tratta di un super poliziotto che crede di essere un vero supereroe. Cootie viene attaccato dall’Eroe nel finale di Sono Vergine, ma l’Eroe lo convince che possono lavorare insieme.

L’ingenuo Cootie si innamora di questo, il che mostra quanto le storie raccontate dai fumetti dell’Eroe abbiano plasmato la visione del mondo di Cootie. L’Eroe attacca immediatamente Cootie violentemente, ma alla fine non vince.

Cootie non sconfigge l’Eroe nel finale della prima stagione, ma l’Eroe sembra che finisca per abbandonare i suoi piani. Più tardi, l’attivista Jones guida l’Eroe attraverso una spiegazione dei difetti del capitalismo.

In una sequenza ipnotica, Jones spiega che il capitalismo richiede la disoccupazione, ma demonizza e punisce anche le imprese illegali, con il risultato che la polizia mette inevitabilmente in atto violenze sulle comunità povere.

L’Eroe è scoraggiato dalla consapevolezza di essere poco più che un’arma dello stato carcerario, e vola via in silenzio. Sebbene l’Eroe usi le storie per fuorviare se stesso e gli altri, non può confutare l’onestà di Jones.

Cosa succede nell’episodio dei biglietti per il parcheggio mancanti?

Il finale di Sono Vergine svela così l’idea sottostante della narrazione come strumento socialista con la sottotrama dei biglietti del parcheggio. Nell’universo, Parking Tickets è una sitcom animata che fa in pratica la parodia agli elementi de I Griffin e Bojack Horseman.

Parking Tickets è composto da un sanguinante uomo comune, un meteorologo e un bambino demoniaco che danno voce a lunghe diatribe filosofiche prima di essere interrotti da un bambino dai capelli rossi che urla “ Boyoyoyoyong!

Questa formula appare nei tre episodi di Parking Ticket mostrati durante la prima stagione di Sono Vergini, ma il tutto viene ribaltato nel finale.

Prima di morire, Scat mette le mani sul leggendario episodio dei biglietti per il parcheggio smarriti che è stato bandito per aver causato crolli esistenziali. In una premessa precedentemente esplorata da Infinite Jest e Monty Python , l’episodio Missing Parking Tickets di Sono Vergine presenta un pezzo così avvincente da portare lo spettatore alla follia.

L’episodio mancante di Parking Tickets viene mostrato sullo schermo quando Cootie e i suoi amici usano la registrazione per neutralizzare le guardie di sicurezza della centrale elettrica.

L’episodio racconta il ” Boyoyoyoyong !” e cioè la storia della vita di un bambino dalla nascita alla morte. Privato della consueta narrazione filosofica dello show, questo episodio di Parking Tickets si rivela travolgente per gli spettatori.

Sovvertendo la formula familiare dello show, gli effetti dell’episodio dimostrano quanto possano essere potenti le storie e quanto una storia sovversiva possa rimodellare le opinioni dei suoi lettori.

La spiegazione del finale della serie Sono Vergine

Gli ultimi momenti della prima stagione di Sono Vergine sono trionfanti, ma il pericolo incombe ancora. Cootie ha sviluppato un’eruzione cutanea e nel finale la crescita ha raggiunto proporzioni da orrore corporeo. L’eruzione cutanea può essere letta come una metafora dell’effetto deleterio del capitalismo sulla personalità di Cootie.

Sembra che Cootie abbia avuto l’eruzione cutanea indossando abiti prodotti da Asphalt Royalty, un marchio che Cootie ha approvato una volta scoperto dalla società in generale. Tuttavia, l’eruzione cutanea potrebbe essere causata dal mangiare Bing Bang Burger, la catena di fast food che Cootie ha idolatrato quando è cresciuto guardando la televisione, ma che si è rivelato avere un sapore terribile.

L’idea che siano il cibo o i vestiti ad aver causato tutto questo riafferma alcuni temi trattati nella serie. Cootie è sedotto dall’idea dell’Eroe che ha permesso all’antagonista fascista della serie di indurlo in prigionia con l’inganno. È così affascinato dalle pubblicità televisive di Bing Bang Burgers che torna ripetutamente lì nonostante odi il cibo.

La cosa più preoccupante è che è così innamorato del marchio di Asphalt Royalty che continua a indossare i loro capi anche dopo che i vestiti hanno causato gravi effetti collaterali. Vediamo Cootie non essere affatto immune alla seduzione della cultura capitalista, nonostante il danno che gli provoca.

L’impatto politico delle pubblicità e dei media

Il finale di Sono Vergine dimostra l’impatto politico della pubblicità e di altre forme di media, mostrando anche che possono essere utilizzati in modo improprio da cattivi attori. Il danno che i vestiti di Asphalt Royalty hanno arrecato al corpo di Cootie mostra quanto poco alla compagnia importi del suo portavoce, mentre la popolarità pubblica dell’Eroe è solo una patina che copre il suo fascismo.

Tuttavia, l’episodio perduto di Parking Tickets è ancora in grado di portare le guardie di sicurezza in uno stato catatonico e Jones può ancora sconfiggere l’Eroe attraverso le sue sagge parole. Quindi, è chiaro che l’arte della narrazione in sé non è la colpa.

Invece il problema è strutturale. Jones non avrebbe mai avuto l’opportunità di sconfiggere l’eroe se non fosse stato per l’ascesa alla fama di Cootie. La capacità di raccontare storie non viene distribuita equamente alle persone strutturalmente svantaggiate, siano esse povere, persone di colore, LGBTQIA+ o tutte le precedenti (come nel caso di Jones).

Di conseguenza, gli spettatori raramente riescono a vedere sullo schermo una prospettiva esplicitamente anticapitalista.

Nel finale di Sono Vergine, Jones alla fine dimostra che dire la verità porta a potere, a condizione che le persone svantaggiate abbiano l’opportunità di condividere la loro esperienza. C’è ancora speranza, nonostante lo stato del mondo che vediamo nella prima stagione di Sono Vergine.

Amazon Prime Video

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

I grandi sognatori – The Great Escapists un reality originale di sopravvivenza su Amazon Prime Video

Alessio PlayBlog.it

Goodnight Mommy (2022) il remake del film horror è in esclusiva su Amazon Prime Video

Alessio PlayBlog.it

Regina Rossa stagione 2: le ultime notizie sulla serie thriller di Prime Video

Alessio PlayBlog.it

Lascia un commento