Tecnologia

I problemi di moderazione dei contenuti dietro il crollo di Substack

I problemi di moderazione dei contenuti dietro il crollo di Substack

Substack, la popolare piattaforma di pubblicazione di newsletter che conta milioni di abbonati, è al centro di un pantano tra gli utenti: dovremmo restare o dovremmo andarcene?

In un recente articolo di The Atlantic, la piattaforma è stata definita una “bomba a orologeria” per problemi di moderazione dei contenuti, che hanno spinto diversi blog e scrittori di spicco a pubblicare aspre accuse contro il sito prima di lasciare la piattaforma.

L’azienda ha affrontato anche altre battaglie nell’ultimo anno, inclusa una breve faida con Xdi proprietà di Elon Musk. Allora perché gli utenti inaugurano il nuovo anno uscendo dal sito adesso?

Gli utenti richiedono moderazione e responsabilità dei contenuti su Substack

A novembre 2023 un’indagine sulle crescenti reti di nazionalisti che ospitano blog di estrema destra e neonazisti su Substack. Apparentemente contrari ai termini di servizio che vietano l’odio sulla piattaforma, i blog spesso antisemiti generavano entrate consistenti sia per gli editori che per lo stesso Substack, che prende una parte delle entrate degli abbonamenti.

In risposta, centinaia di scrittori hanno inviato una lettera aperta a Substack chiedendo spiegazioni. Successivamente, un altro gruppo di scrittori e fan ha pubblicato una lettera a sostegno della libertà degli abbonati e in opposizione alla maggiore moderazione dei contenuti.

Il 21 dicembre, il co-fondatore di Substack Hamish McKenzie ha caricato un post sul blog in risposta alle proteste per gli “account marginali”, dicendo: “Voglio solo chiarire che neanche a noi piacciono i nazisti – vorremmo che nessuno li tenesse”. Ma alcune persone sostengono queste e altre opinioni estreme. Detto questo, non pensiamo che la censura faccia sparire il problema, anzi, lo peggiora.”

A gennaio, Substack aveva rimosso solo alcuni dei blog offensivi segnalati dagli altri utenti.

Casey Newton, creatore del blog di notizie Platformer della Silicon Valley, ha annunciato l’11 gennaio che il blog avrebbe lasciato Substack a causa dei continui problemi di moderazione dei contenuti e della risposta poco brillante dei funzionari di Substack alla rimozione dei contenuti.

Altri editori di newsletter, incluso il famoso scrittore Ryan Broderick , sono rimasti altrettanto delusi dalla risposta. Nel suo annuncio, Broderick ha scritto che Substack “ha l’abitudine di trasformare questi problemi, francamente, abbastanza basilari di fiducia e sicurezza in strane lotte politiche che si trascinano per settimane”.

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

“Meteo Spazio” il primo programma sul Meteo del sistema solare dedicato ai ragazzi su Raiplay

Alessio PlayBlog.it

Tinder lancerà le chat video in-app entro la fine dell’anno

Lenovo Legion Go e Asus ROG Ally a confronto: quale dei due è migliore?

Mattia PlayBlog.it

Lascia un commento