GameGiochi PCTecnologia

I giocatori di eSport di League of Legends entrano in sciopero

I giocatori di eSport di League of Legends entrano in sciopero

I giocatori di League of Legends stanno protestando con lo sciopero contro un cambio di regole che sta già avendo un effetto importante sul sistema amatoriale nordamericano.

I giocatori della lega di eSports League of Legends nordamericana hanno votato per protestare contro la decisione di Riot Games di non richiedere più alle franchigie di schierare una squadra amatoriale. Dall’annuncio di Riot, molti franchise hanno già abbandonato le loro squadre amatoriali per la stagione estiva, interrompendo un’importante pipeline di sviluppo per i giocatori che vogliono competere nella principale League Championship Series (LCS). Il voto, tenuto dalla LCSPA, che rappresenta i giocatori nordamericani di League of Legends , è passato “in modo schiacciante”, secondo un tweet.

Non è chiaro esattamente quando avverrà lo sciopero per gli eSport di League of Legends, ma supponendo che le due parti non raggiungano una sorta di accordo, sembra probabile che accadrà all’inizio della stagione estiva il 1° giugno.

Le tensioni sulla questione sono in fermento da tempo. Il 12 maggio, Riot Games ha annunciato che i franchise gli avevano chiesto di abbandonare il mandato che richiedeva loro di schierare squadre nella lega amatoriale, la North American Challengers League (NACL), e che avrebbe abbandonato quel mandato. In una dichiarazione dello stesso giorno, i giocatori hanno spinto per una sorta di competizione amatoriale strutturata, osservando che “oltre il 50 percento degli attuali professionisti LCS è arrivato attraverso il sistema NACL / Academy” e che Europa, Cina e Corea mantengono leghe di sviluppo competitive.

I giocatori della League hanno espresso la loro delusione per la decisione di Riot di non consentire alle franchigie di schierare squadre NACL. “Non sarei in LCS se non fosse stato per l’Academy”, ha scritto su Twitter Palafox, un giocatore del team. “Il sistema Academy / NACL mi ha dato l’opportunità di intraprendere una carriera da professionista”, ha twittato Chime, un giocatore di TSM.

Molte squadre si sono già ritirate dalla NACL

Tuttavia, nei giorni successivi all’annuncio di Riot, cinque delle dieci squadre della LCS hanno dichiarato che non avrebbero partecipato alla NACL quest’estate (100 Thieves, Cloud9, Dignitas, Golden Guardians e NRG). Molte organizzazioni di eSport nordamericane hanno avuto difficoltà negli ultimi tempi: TSM ha annunciato che avrebbe lasciato l’LCS per un’altra regione, NRG ha recentemente acquisito Counter Logic Gaming e 100 Thieves ha licenziato il personale a gennaio e alcune delle dichiarazioni dei franchise hanno notato la sfida economica di avere una squadra amatoriale.

Il giornalista Mikhail Klimentov ha riferito che i giocatori avrebbero votato per lo sciopero. Un elenco di richieste LCSPA per Riot Games include un sistema di promozione e retrocessione tra LCS e NACL, entrate per gli stipendi NACL e contratti garantiti per un anno per i giocatori LCS che vincono le finali estive. Lunedì, la LCSPA ha chiesto ai giocatori di non oltrepassare la linea di sciopero se reclutati da una squadra per giocare in sostituzione.

Riot Games e LCSPA non hanno risposto immediatamente a una richiesta di commento.

 

Playblog.it

Netflix        News        Serie TV        Film        Amine        

Apple        Android        Tecnologia        Prime Video        Offerte        Disney+

Seguici su Facebook      Twitter      Pinterest
Seguici su TelegramNetflixOfferte Amazon PrimePrime Video

POST CORRELATI

Android 13 maggio 2023 QPR3 Beta inizia a essere distribuito

Leonardo Playblog.it

“Il ritorno di Mary Poppins” in prima visione su Raiuno

Alessio PlayBlog.it

Lil Gator Game sta arrivando sul Windows Store!

Leonardo Playblog.it

Lascia un commento